I numeri della Provincia di Varese per la Coppa del mondo

canottagioDomenica mattina si è conclusa sul lago di Varese la prima tappa della Coppa del mondo 2016 di canottaggio. Un successo sportivo e organizzativo. Complimenti al comitato organizzatore, agli straordinari volontari e, permettetemelo, al grande lavoro delle donne e degli uomini della Provincia di Varese. Dalla sicurezza all’accoglienza, dall’amministrazione alla viabilità. Professionalità che molti ci invidiano.
Villa Recalcati ha messo a disposizione del Comitato 7 dipendenti a tempo pieno del settore cultura che hanno dato supporto amministrativo e organizzativo in tutta la fase di organizzazione, quali ad esempio le richieste di rilascio autorizzazioni, le gare per l’affidamento dei servizi (tensostrutture, logistica del village, accoglienza turisti e atleti); hanno inoltre collaborato nella ricerca e contrattualizzazione degli sponsor e nell’organizzazione dei contratti degli oltre 400 ragazzi coinvolti come volontari con progetti di alternanza scuola – lavoro. Grande inoltre é stato anche il contributo dato sotto il profilo della sicurezza: in tre giorni sono stati impegnati sui campi di gara e su tutta l’area della Schiranna 150 volontari della protezione civile coordinati dal personale della Provincia attraverso la Sala operativa congiunta attivata per l’evento, la squadra della Polizia faunistica per supporto in acqua, i funzionari del Servizio protezione e prevenzione. Numeri importanti che riempiono di orgoglio.

PS una citazione particolare la merita senz’altro Federica Cesarini, giovanissima azzurra di casa (è di Gavirate), bronzo nel singolo femminile pesi leggeri. La prima e la più giovane medaglia dell’Italia in questa tappa varesina (ho avuto la fortuna di premiarla sul podio, ma i miei meriti si fermano qui).

VARESE COPPA DEL MONDO DI CANOTTAGGIO 2016 ALLA SCHIRANNA 2? GIORNO GARE NELLA FOTO FEDERICA CESARINI BRONZO