La Provincia di Varese parte civile nel processo sul disavanzo di biancio

SARONNO(VARESE) AULA BUNKER DEL TRIBUNALE LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTINel processo penale in corso al Tribunale di Varese sulla pregressa situazione finanziaria di Villa Recalcati relativa al Bilancio 2012 la Provincia di Varese si è costituita parte civile con l’obiettivo di tutelare fino in fondo l’immagine e l’autorevolezza dell’Ente. Provincia di Varese negli atti chiede il risarcimento del danno patrimoniale stimato in 200 mila euro, pari alla mancata decurtazione sulle indennità percepite dal Presidente e dalla Giunta provinciale in carica a quei tempi e che avrebbe dovuto essere applicata a causa dello sforamento del Patto di stabilità. Inoltre la Provincia chiede anche un risarcimento del danno non patrimoniale causato dalla non veridicità del rendiconto, che ha così compromesso l’attività di pianificazione della spesa, mettendo a rischio il buon andamento dei servizi erogati ai cittadini. Va poi ricordato che per gli ulteriori danni relativi al noto disavanzo è in corso un procedimento avanti la Corte dei conti.

Infine il prossimo 4 maggio, al Tribunale di Varese inizierà il dibattimento.

Come Provincia abbiamo deciso di costituirci parte civile sia per tutelare l’autorevolezza dell’Ente, sia per recuperare ogni euro utile per continuare l’opera di salvataggio della Provincia e metterla di nuovo in condizioni di poter operare. Con serietà e determinazione abbiamo sempre chiesto quanto dovuto allo Stato e alla Regione. E anche sulla questione del disavanzo non intendiamo rinunciare ad alcuna richiesta di risarcimento nei confronti di coloro che saranno ritenuti responsabili dall’autorità giudiziaria.