Notizie dal territorio, 14 settembre 2017

Notizie dal territorio, 14 settembre 2017

Notizie dal territorio, 14 settembre 2017

BANDI, CORSI E FINANZIAMENTI
Il 17 settembre aprono due bandi regionali per i Comunui: Contributi agli Enti locali per l’adesione ai servizi regionali per i pagamenti elettronici (PagoPA) e Finanziamenti a Comuni fino a 5.000 abitanti, per interventi di messa in sicurezza e riqualificazione di infrastrutture per la mobilità.
La Provincia di Varese organizza a ottobre il Corso per operatori volontari iscritti ad un’Organizzazione di Volontariato di Protezione Civile. Qui tutte le info https://goo.gl/jhWjDi
Servizio civile: sono aperti fino al 28 settembre i bandi per il Servizio civile in Italia e all’estero, sono 53.363 i posti disponibili per i giovani tra i 18 e 28 anni. 

Dote Sport: le famiglie, con figli di età tra i 6 e i 17 anni e in possesso dei requisiti previsti, possono richiedere un contributo per le spese di frequenza di corsi o attività sportive svolte tra settembre 2018 e giugno 2019. Domande online dal 17 settembre al 31 ottobre.

Dote Comune: c’è tempo fino al 18 settembre per presentare le domande per effettuare tirocini retribuiti negli Enti Locali. Possono presentare domanda disoccupati di età uguale o superiore ai 18 anni e residenti in Lombardia.

DOPO GENOVA, COME STANNO I PONTI E I VIADOTTI DELLA PROVINCIA DI VARESE
Dopo la tragedia di Genova si è naturalmente alzata l’attenzione sullo stato dei ponti, dei viadotti e dei cavalcavia. In provincia di Varese sono diversi gli enti proprietari: Anas, Ferrovie, Provincia e Comuni. Quelli di competenza della Provincia di Varese sono 244 e sono tutti costantemente monitorati. A causa però degli esagerati tagli fatti è oggi impossibile per le Province programmare un sostanzioso piano di manutenzioni ordinarie e straordinarie. Per questo motivo a fine 2016 abbiamo chiesto a Governo e Regione di finanziare, all’interno del Patto per la Lombardia, un piano da 1,5 milioni di euro per aggiornare tutte le indagini strutturali con l’utilizzo delle più moderne tecnologie. La nostra richiesta è stata approvata ma siamo ancora in attesa che Regione Lombardia concluda i passaggi burocratici necessari. Per le manutenzioni ordinarie il fabbisogno è invece di almeno 5 milioni di euro, con priorità per i ponti in calcestruzzo costruiti negli anni 50. Numeri, progetti e cifre che abbiamo già presentato al Ministero dell’Interno. Insomma come avete capito sul tema c’è la massima attenzione quotidiana, tecnica e politica, ma lo stato in cui sono state ridotte le Province crea non poche difficoltà. Situazione analoga anche per la rete stradale: in provincia per la manutenzione, straordinaria e ordinaria, per ogni chilometro Autostrade spende in media 100.000 euro all’anno, Anas 22.000 mentre la Provincia ha a disposizione solo 5.000 euro. Con questi numeri non si va lontano, il Governo Conte non può fare finta di nulla.

UNA NUOVA PROVINCIA PER LA LOMBARDIA?

Si terrà il prossimo 21 ottobre il referendum consultivo per il distacco della provincia del Verbano-Cusio-Ossola dalla Regione Piemonte e la sua aggregazione alla Regione Lombardia. Il testo del quesito referendario sarà: «Volete che il territorio della provincia del Verbano Cusio Ossola sia separato dalla Regione Piemonte per entrare a far parte integrante della Regione Lombardia?». Sarà la prima volta che un referendum di tale natura interesserà una intera provincia. Molto complicato però raggiungere i quorum previsti. Affinché il referendum sia valido sono necessarie due importanti condizioni. La prima condizione è che si rechi a votare la metà più uno degli aventi diritto al voto. Ma non basta. E’ ulteriormente necessario che il SI al referendum sia stato votato dalla metà più uno degli aventi diritto al voto e non semplicemente dei votanti.
La Provincia del Verbano-Cusio-Ossola è nata nel 1992 (e attivata con le elezioni amministrative del 1995) scorporando 77 comuni dalla Provincia di Novara. Oggi ha 160.000 abitanti, vi risiede il 3% dei piemontesi e accoglie il 40% dei turisti stranieri che visitano la regione (22% dei turisti in totale). Mete principali: Stresa, Verbania, Macugnaga, Domodossola, Formazza, Premia, Cannero. Il VCO vale circa il 3% dell’economia piemontese, negli ultimi anni ha perso, in tutto o in parte, aziende e marchi importanti come Bialetti, Girmi e Lagostina (rimane solo un ultimo stabilimento). Tuttavia ospita ancora realtà come la Alessi, marchio storico del design italiano. In caso di aggregazione alla Lombardia diventerebbe la provincia meno popolosa, la sesta per estensione (il 38% del suo territorio è costituito da aree protette) e l’ultima per PIL  pro capite (anche se ha un basso tasso medio di disoccupazione, nel 2017 è stato del 6,8 per cento). Come da articolo 132, secondo comma, della Costituzione il Consiglio Regionale della Lombardia sarà chiamato ad esprimere il proprio parere.

DOMENICA 30 MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO “PER L’ITALIA CHE NON HA PAURA”

Domenica 30 settembre il Partito Democratico ha deciso di organizzare a Roma una manifestazione nazionale per costruire un’alternativa alla politica dell’odio, del declino, dell’isolamento e della paura. Scendiamo in piazza perché tante persone vogliono un Paese diverso: più giusto, più forte, più solidale, aperto al mondo e al futuro. Le paure e le preoccupazioni che hanno i cittadini vanno riconosciute e possono essere superate soltanto insieme; soltanto unendo le forze perché nessuno si senta solo. Scendiamo in piazza perché costruire questa alternativa democratica è il nostro impegno. Per chi volesse recarsi a Roma il Pd regionale ha organizzato anche treni speciali in partenza da Milano domenica mattina (costo del biglietto andata/ritorno 25 euro). Per prenotarsi o avere maggiori informazioni potete mandare una mail a info@pdvarese.it oppure telefonare allo 0332-286754 entro mercoledì 19 settembre. 
2018-09-14T14:39:56+00:00 14 settembre 2018|Uncategorized|