Notizie dal territorio, 5 maggio 2018

Notizie dal territorio, 5 maggio 2018

Notizie dal territorio, 5 maggio 2018

LAVORO E ISTITUZIONI: IL CASO DEL MERCATO DEL LEGNO IN PROVINCIA DI VARESE

Martedì era il primo maggio, la festa del lavoro. I dati sul’occupazione in provincia di Varese ci dicono che abbiamo quasi raggiunto i livelli pre-crisi, un dato significativo che deve essere da stimolo per fare ancora meglio contro la precarietà e per aumentare la sicurezza sui luoghi di lavoro. Un ruolo importante possono averlo le istituzioni. Da tempo come Provincia, tramite la nostra Agenzia formativa, siamo in prima linea. Uno dei settori che ci vede maggiormente impegnati è quello della filiera del legno-arredo che, nel nostro territorio, ha subito una importante trasformazione. Oltre il 70% delle aziende del settore ha investito nel 2017 in ricerca e sviluppo, destinando in media l’1,3% del fatturato. È anche grazie a questi investimenti che oggi si è tornati ad assumere. Di conseguenza anche al Centro di formazione professionale di Luino, dove hanno sede i corsi pubblici per operatori del legno, abbiamo deciso di puntare sull’innovazione e i risultati sono confortanti: i corsi di falegnameria per adulti hanno registrato il tutto esaurito mentre nel meeting di aprile tra Agenzia formativa e imprese del centro/nord della provincia è emerso un parere molto positivo sulla preparazione dei nostri ragazzi tanto da ricevere una richiesta di dieci falegnami neodiplomati per contratti a tempo indeterminato. Risultati che ci spingono a continuare su questa strada. Meno convegni e più azioni concrete, anche le istituzioni possono fare la propria parte accanto alle imprese che fanno innovazione.  

 
BANDI, AVVISI, CONCORSI E FINANZIAMENTI
Il Ministero dell’economia e delle finanze ha pubblicato la guida “Casa conviene” che raccoglie tutti i bonus aggiornati, le detrazioni e i fondi pubblici per la casa previsti dalla legge. Dal “Bonus verde” alle detrazioni per gli interventi di ristrutturazione o riqualificazione energetica, potete scaricare la guida a questo link.
E’ aperto il bando regionale per sostenere progetti per la prevenzione e la lotta contro la dispersione scolastica – a.s. 2018/2019. E’ rivolto a partenariati di scuole composti da scuole medie ed istituti tecnici, scade il 17 giugno.
I Comuni lombardi possono partecipare all’avviso del Ministero dell’economia e del MIUR finalizzato alla redazione del piano triennale regionale 2018-2020 per interventi di edilizia scolastica. Il contributo è a fondo perduto, non può superare l’80% dell’importo totale del progetto. Ogni Comune potrà presentare una sola domanda di contributo per autonomia scolastica. Risorse stanziate 1,7 miliardi € , scadenza 10 luglio 2018.
Servizio civile regionale: gli enti pubblici e privati no profit possono partecipare all’avviso pubblico per la promozione di progetti di cittadinanza attiva mediante la Leva Civica Volontaria Regionale rivolti alle giovani generazioni. Gli ambiti di intervento, all’interno dei quali sarà possibile presentare progetti, sono: assistenza e servizi sociali, sport e protezione civile. Si tratta di progetti per percorsi di leva civica della durata di 12 mesi con un cofinanziamento regionale pari all’80% delle spese ammissibili. Scadenza 17 maggio 2018.
 
PARTITO DEMOCRATICO: LA DIREZIONE NAZIONALE APPROVA ALL’UNANIMITA’ LA RELAZIONE DI MAURIZIO MARTINA
Giovedì si è svolta la direzione nazionale del Partito Democratico. Questo il commento del senatore Alessandro Alfieri, uno dei due varesini in direzione: “Un buon dibattito in direzione, consapevoli della delicatezza della fase politica. Ora abbiamo davanti un sentiero stretto che potremo attraversare solo con la compattezza del gruppo dirigente nazionale. La nostra comunità, chi si spende per il Pd sul territorio, si aspetta una risposta unitaria, all’altezza delle sfide che abbiamo davanti. Spero davvero che l’approvazione all’unanimità della relazione di Maurizio Martina vada in questo senso, a partire dalle consultazioni di lunedì.” A questo link trovate invece il testo integrale della relazione di Maurizio Martina.
LA VERA SFIDA DELLE  POLITICHE GIOVANILI
Negli scorsi giorni ho avuto modo partecipare a diversi incontri e workshop con a tema le “politiche giovanili”. In queste occasioni ho ribadito la mia convinzione che se non vengono relegate alle ultime voci del bilancio e non vengono banalizzate sono uno straordinario strumento di coesione sociale e di costruzione di futuro per le nostre comunità. Porto due esempi di quello che facciamo a Cunardo, uso questi perché li conosco da vicino ma potrei citare anche molte altre amministrazioni. A fine mese, insieme ad altri quattro Comuni della Provincia di Varese, porteremo i giovani nati nel 1999 a visitare, tra la Slovenia e il Friuli, i luoghi nei quali i “ragazzi nel 1899” furono mandati al fronte durante la Prima guerra mondiale. Abbiamo scelto questa meta sia per onorare il centenario della Grande Guerra sia per far vivere ai ragazzi una esperienza unica con la speranza di dare a loro strumenti utili per leggere il presente e il futuro conoscendo la storia delle nostre istituzioni. Il secondo progetto appena attivato è quello rivolto ai “neet” cunardesi, i giovani né occupati né inseriti in un percorso regolare di istruzione e formazione (secondo i dati della Camera di commercio, nonostante la ripresa economica, sono circa 26mila in Provincia di Varese). Grazie alla collaborazione con la cooperativa Totem abbiamo messo in campo un progetto che ha come obiettivo quello di ingaggiare e letteralmente riattivare questi ragazzi, partendo dalle loro passioni e dalle loro speranze, preparandoli a muoversi autonomamente nella ricerca di un lavoro. Due esempi per dire che le politiche giovanili devono iniziare a diventare seriamente una delle priorità dell’azione amministrativa e politica di questo Paese, ne va del futuro delle nostre comunità.
2018-05-08T16:00:20+00:00 5 maggio 2018|Newsletter|