Un errore fermare l’alternanza scuola-lavoro

Un errore fermare l’alternanza scuola-lavoro

Un errore fermare l’alternanza scuola-lavoro

Preoccupa non poco la proposta di cancellazione dell’alternanza scuola-lavoro presente nel contratto di Governo che Lega Nord e Cinque stelle stanno definendo in questi giorni. La sensazione è che si voglia cancellare questa opportunità solo perché resa strutturale dal Governo Renzi. Se questa cosa fosse confermata sarebbe un errore gravissimo che cancellerebbe l’importante strumento per i nostri studenti e per le nostre imprese. Basta dare uno sguardo a quello che succede in Canton Ticino dove i ragazzi italiani oggi fanno a gara per entrare nel sistema duale svizzero e non tutti ci riescono. Per non parlare poi della Germania, dove l’alternanza esiste dal 1965 ed è il perno del sistema di formazione, che ogni anno coinvolge 1,6 milioni di studenti, il 30% delle imprese e ha un tasso di inserimento lavorativo del 95%. In Italia finalmente si era fatto il primo passo, introducendo strutturalmente l’alternanza scuola lavoro nelle scuole superiori. Ora al posto di rafforzare questa opportunità e avvicinarci al modello europeo se ne propone l’abolizione. Mi appello ai parlamentari di Lega e Cinque stelle del nostro territorio affinché intervengano per evitare questo grave passo indietro per i nostri ragazzi e il nostro tessuto economico.

2018-05-18T09:25:44+00:00 18 maggio 2018|Generale|